mercoledì 21 maggio 2014

Scrivimi una lettera

Cara Valentina.......

Immagine dal web

Profumo di tempi passati. Ebrezza di ricordi lontani. Tremore di sensazioni dimenticate.
Ormai abbiamo messo da parte l'emozione che ci procurava l'attesa di una lettera. La meraviglia e lo stupore nel riceverne una all'improvviso. L'orgogliosa convinzione, mentre ne scrivevi una, di sapere che stavi per far felice colui o colei che l'avrebbe ricevuta.
Ormai abbiamo dimenticato quella combinazione olfattiva del profumo d'inchiostro sulla carta.
I tagliacarte che usavamo per aprire le buste sono tutti finiti nel fondo di un cassetto assieme alla spugnetta per inumidire il francobollo.
Ormai ci sono gli sms, le chat, le mail, i social networks e il continuo ticchettio dei tasti del computer, del tablet o dello smartphone.
La tecnologia. La stessa tecnologia, che ci permette di accorciare i tempi e di comunicare più velocemente, ci sta, contemporaneamente, privando delle belle sensazioni che provavamo una volta....
Adesso non ci si telefona neanche più. Ci si whatsappa.... E' più veloce e si risparmia
E siamo tutti colpevoli. Tutti ci siamo fatti coinvolgere da questa frenesia del tecnologico e tutti ci siamo lasciati trasportare dalla modernità. Tutti indistintamente e inconsapevolmente.
Beh.... allora butta via il cellulare e comincia a comprare i francobolli....
No, qui non siamo di fronte ad un male estremo, quindi non servono estremi rimedi. Basterebbe la sana consapevolezza che, fare sia l'uno che l'altro, non sarebbe causa di denigrazione o perdita di tempo. Anzi, tanto di guadagnato.... avremmo trovato il tempo di pensare, di ascoltarci e di ascoltare mentre scriviamo una bella lettera.
Poi, se prima di chiudere la busta, ci infiliamo dentro una bella fotografia stampata.....
....potremmo vedere gli occhi di qualcuno brillare.....

Con affetto, Valentina










9 commenti:

  1. Hai proprio ragione! Un'ora fa stavo scrivendo un messaggio ad una mia cara amica su whatsup ma poi mi sono detta che era proprio il caso di telefonarle e sentire la sua bellissima voce! E siccome è malata, ho deciso di farle una sorpresa, le spedisco un bel pacchetto regalo.
    Brava Valentina!
    Ketty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso fare altro che condividere la decisione che hai preso!
      Brava tu!
      E grazie, Vale

      Elimina
  2. Ciao arrivo da mamma a mamma e... quanto hai ragione!
    Bellissimo post che mi ha fatto riflettere.
    Grazie
    A presto
    Ele
    mellowthings.blogspot.com

    RispondiElimina
  3. Sono contenta che questo post susciti delle riflessioni
    Grazie a te!
    Baci, Vale

    RispondiElimina
  4. E' vero, io aspettavo con ansia le lettere o le cartoline e le mandavo con gioia, adesso è più facile ma vuoi mettere la stessa emozione?
    Comunque, detto tra noi, io mi emoziono ogni volta che sento il suono della mail che mi dice che ne è arrivata una nuova, penso a voi e voglio vedere cosa mi avete scritto.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Comunque, detto tra noi, io mi emoziono ogni volta che sento il suono della mail che mi dice che ne è arrivata una nuova, penso a voi e voglio vedere cosa mi avete scritto".
      Quanto è vero!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
  5. Grazie per aver partecipato al mio Link Party :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per avermene dato la possibilità ;-)

      Elimina
  6. Piacere di conoscerti! Ti ho conosciuto grazie all'iniziativa del Blog Creazioni Filò!

    RispondiElimina

Grazie della visita!
Lascia un segno del tuo passaggio con un commento ツ